Dembidolo (DEM)

Dembidolo, precedentemente chiamata Sayo o Saïo, è una cittadina nel sud-ovest dell’Etiopia ad oltre 600 km dalla capitale Addis Abeba, vicino al confine con il Sud Sudan. Dembidolo appartiene alla regione dell’Oromia, è capitale della zona di Kelam Welega ed è un distretto a statuto speciale.

Dal punto di vista amministrativo l'Etiopia è suddivisa in nove regioni (o stati regionali) etnicamente e politicamente autonome a cui si aggiungono due città autonome, Addis Abeba e Dire Daua. Le regioni sono a loro volta suddivise in 68 zone. Le zone sono suddivise in 550 distretti (woreda), molte a statuto speciale, e i distretti in kebele 1 (equiparabili a un quartiere, frazione o piccola località abitata in cui risiede un gruppo di persone).

Sulla base ai dati dell’ultimo censimento nazionale (2007) Dembidolo conta 29.448 abitanti, la maggior parte dei quali protestanti (58,23%). Il 30,14% dichiara di appartenere alla Chiesa cattolica ortodossa d’Etiopia, l’8,81% è musulmano e il 2,07% cattolico (2007).

Economia

Dembidolo è famosa per la sua tradizione orafa e per la produzione del tej. Il tej è una bevanda alcolica prodotta dalla fermentazione del miele. È con tutta probabilità il fermentato più antico del mondo, più ancora della birra, in quanto non è necessaria la coltivazione per poterlo produrre. Nell'antichità era noto come "la bevanda degli dei". La tradizionale bottiglia che contiene il tej ha una forma arrotondata chiamata berele. Dal sapore dolce, il tej ha un elevato contenuto di alcool.

Viaggio del 6 - 21 Giugno 2019

Leggi

Torna ai villaggi

L’adozione a distanza a Dembidolo

Periodicamente il nostro staff locale si reca a Dembidolo, identificato con il codice DEM, per monitorare il progetto, attivo dal 2018, e incontrare i bambini. In questa occasione ne constata le condizioni, il permanere dello stato di necessità, verifica i dati e scatta una foto. Non tutti i bambini adottati vivono nella cittadina di Dembidolo, molti provengono da piccoli centri abitati nell’area circostante. L’erogazione del sostegno si concretizza con il trasferimento della quota direttamente sul conto corrente della famiglia del bambino.

1 – Il termine “villaggio” da noi utilizzato per comodità, non è sempre riconducibile a un vero e proprio centro abitato: spesso identifica una città (ad esempio, Addis Abeba, Mugi, Wolkitè), in altri casi è riferito a una zona, un quartiere o una vasta area geografica, come nel caso di Dawro Konta.