• Volontariato in Etiopia e in Italia

    Come diventare volontario

Diventa volontario

Cerchiamo volontari disponibili a collaborare con noi sia in Italia che in Etiopia.
Abbiamo bisogno di te! Leggi e scopri come...

■ Volontariato in Italia

Il Centro Aiuti per l'Etiopia si fonda sull’impegno di tanti volontari sparsi su tutto il territorio nazionale che agiscono in stretta connessione con la sede di Verbania. Si tratta di circa una ventina di gruppi che, dalla Valle d’Aosta alla Campania, promuovono attivamente iniziative sul loro territorio contribuendo, spesso con testimonianze dirette, a far conoscere le attività dell’associazione e a raccogliere i fondi necessari per portarle avanti. Fare Volontariato in Italia significa affiancare i volontari dei gruppi esistenti sul territorio del proprio domicilio o residenza prestando supporto alle attività di sensibilizzazione e promozione dei progetti e degli interventi di cooperazione internazionale del CAE. 

 I candidati interessati possono scrivere una mail a direzione@centroaiutietiopia.it riportando i propri dati (nome, cognome, data di nascita, indirizzo, recapito telefonico e l’autorizzazione al trattamento dei dati personali secondo la vigente normativa) e saranno ricontattati.



■ Volontariato in Etiopia

Fare Volontariato in Etiopia non deve essere visto come un'esperienza estemporanea. L'obiettivo che si desidera ottenere con i volontari è un coinvolgimento a lungo termine, anche in Italia, prima e dopo la partenza, in un percorso di crescita all'interno dei gruppi di volontari esistenti sul territorio.

Un'esperienza diretta sul campo rappresenta sicuramente un fondamentale passaggio per meglio comprendere e testimoniare l'attività del Centro Aiuti per l'Etiopia Onlus ed i bisogni di un popolo. Siamo altresì certi che conoscere ed entrare in contatto già prima della partenza con la nostra associazione, ed in particolare con l'operato dei numerosi volontari che con impegno si adoperano nelle varie attività di promozione dei progetti e delle iniziative di cooperazione internazionale, sia alla base per comprendere la filosofia del Centro Aiuti per l'Etiopia, che è quella di impegnarsi insieme a favore dei poveri e degli ultimi.

Ciò che richiediamo è la condivisione dei principi di base del nostro operato, un interesse sincero nei confronti delle attività che stiamo portando avanti, apertura e flessibilità mentale, attitudine al dialogo e al lavoro di gruppo, disponibilità a mettersi in discussione e capacità di adattamento a condizioni di vita molto diverse rispetto a quelle a cui siamo abituati in Italia. Le attività che si possono svolgere in Etiopia sono le più varie e verranno adeguate alle esigenze del momento e alle direttive ricevute dal Presidente Roberto Rabattoni, tenendo conto delle attitudini di ciascuno.

Importante è "mettersi a servizio” adeguandosi, talvolta, a lavori ripetitivi e faticosi nei luoghi indicati dai nostri collaboratori in loco.

Per potersi candidare è necessario aver compiuto il 18° anno di età ed è preferibile la conoscenza della lingua inglese a livello elementare. Le partenze possono essere effettuate durante tutto l'arco dell'anno in accordo con le disponibilità dei nostri centri. La durata dell'esperienza in Etiopia potrà variare in base alla disponibilità del volontario e compatibilmente con le necessità dello staff locale. Ricordiamo che il volo aereo e la copertura assicurativa obbligatoria sono a carico del partecipante al quale è richiesto anche un rimborso giornaliero di euro 25,00 per la copertura delle spese vive sostenute dall’associazione (vitto, alloggio e spese di trasporto dall'aeroporto alla struttura presso la quale si svolgerà il servizio) da corrispondersi prima della partenza.

Volontariato in Etiopia: le testimonianze

Solo casi speciali

Sono centinaia e, senza parlare, mi guardano. Ogni adulto ha con se più di un bambino. Sono quasi tutte mamme con un piccolo in braccio ed uno o due bambini attaccati alla gonna e seminascosti; molte hanno (...)

di Patrizia Guzzardi

Con i propri occhi

Ci siamo recati a Zuway dove abbiamo incontrato poco più di 200 bambini, a Bulbula Desta circa 350 e per finire, Adigrat dove ne abbiamo incontrati quasi 2.500. Tre villaggi, tre situazioni molto diverse come pure le condizioni in (...)

di Milena De Boni

Direttamente da Areka

Scrivere un articolo direttamente da Areka non è semplice. Qui tutto si mescola e diventa difficile riordinare i pensieri e le emozioni per poi descriverli. Perché quando si parla degli occhi dei bambini e della semplicità con cui  (...)

di Milena De Boni

Non avrei mai immaginato

Estate tra laurea e lavoro. Sono giovane ed ho tempo. Lo faccio? Lo faccio! Prenoto il volo e faccio i vaccini del caso. Quattro giorni dopo sono in aereo, destinazione Addis Abeba. Non so cosa mi aspetti, (...)

di Stefano Oltolini

Sono fortunato. Tutto qua.

Ho riflettuto molto sulla breve esperienza vissuta in Etiopia ed una cascata di emozioni non mi permetteva di focalizzare la sensazione rimasta che ha lasciato un segno indelebile. (...)

di Alessandro Vivalda

Desiderio di partire

Guardavo le lacrime sul viso di Francesca… le segnavano il volto, scorrevano mentre mi raccontava della sua esperienza in Etiopia… malinconia forse, e tanta voglia di non dimenticare e di condividere (...)

di Giada Denti

Impossibile dimenticare

Chiudiamo gli occhi e se fino a un attimo prima ci sentivamo ancora nel “nostro mondo” ora ci accorgiamo di essere in un altro luogo. Un luogo molto diverso da quello in cui siamo sempre vissuti (...)

di Alessio Bona e Sara Gastoldi