Galiye Rogda (GRN)

Galiye Rogda è una località rurale dell’Etiopia sud-occidentale a circa 150 km da Addis Abeba nella Regione dell'Oromia. Il villaggio appartiene alla zona amministrativa del South West Shoa. La cittadina più vicina è Wolkitè (centro amministrativo del Guraghe) che si trova nella confinante Regione delle Nazioni, Nazionalità e Popoli del Sud. Non sono disponibili dati precisi sul numero di abitanti di Galiye Rogda.

Dal punto di vista amministrativo l'Etiopia è suddivisa in nove regioni (o stati regionali) etnicamente e politicamente autonome a cui si aggiungono due città autonome, Addis Abeba e Dire Daua. Le regioni sono a loro volta suddivise in 68 zone. Le zone sono suddivise in 550 distretti (woreda), molte a statuto speciale, e i distretti in kebele (equiparabili a un quartiere, frazione o piccola località abitata in cui risiede un gruppo di persone).

Galiye Rogda è villaggio 1 particolarmente isolato, raggiungibile solo in fuoristrada ma non durante il periodo delle piogge. È abitato da una tribù, i Gumuz, che vivono in clan divisi in 5 villaggi distribuiti sul territorio.

In base all’ultimo censimento (2007) in tutto il Paese vivono circa 160.000 Gumuz. I Gumuz, originari del Sudan, sono stati deportati circa un centinaio di anni fa dal nord-ovest dell'Etiopia per far parte delle milizie di Menelik. Non si sono mai integrati con le etnie locali. Hanno una propria lingua, gumuz, e numerosi dialetti. Il colore della loro pelle è molto scuro e sono considerati dagli altri gruppi etnici etiopi appartenenti a una casta molto bassa. A lungo discriminati e perseguitati, venduti come schiavi, sono tra i gruppi etnici più svantaggiati della nazione. Dal punto di vista religioso i Gumuz professano pratiche religiose tradizionali, sebbene esistano minoranze musulmane ai confini con il Sud Sudan.

Economia

I Gumuz praticano l’agricoltura itinerante, sfruttando di anno in anno un appezzamento di terreno diverso per ottenere la massima produttività. Il loro alimento base è il sorgo utilizzato per preparare il porrigde e la birra. Vivono anche di caccia e raccolta di frutti selvatici, radici e semi.

Viaggio del 11 marzo 2019

Leggi

Torna ai villaggi

L’adozione a distanza a Galiye Rogda

Periodicamente il nostro staff locale si reca a Galiye Rogda, identificato con la sigla GRN, per monitorare il progetto, gestito dal 2016 dalle suore della congregazione delle “Figlie di St. Anna”, e incontrare i bambini. In questa occasione i nostri operatori ne constatano le condizioni, il permanere dello stato di necessità, verificano i dati e scattano una foto. L’erogazione del sostegno si concretizza successivamente con il trasferimento della quota direttamente sul conto corrente della famiglia del bambino.

1 – Il termine “villaggio” da noi utilizzato per comodità, non è sempre riconducibile a un vero e proprio centro abitato: spesso identifica una città (ad esempio, Addis Abeba, Mugi, Wolkitè), in altri casi è riferito a una zona, un quartiere o una vasta area geografica, come nel caso di Dawro Konta.