• Un'agricoltura sostenibile per Gimbi e Areka

Località: Areka - Gimbi
Zona: Wollaita - West Welega
Regione: Nazioni, Nazionalità e Popoli del Sud - Oromia

Contesto di riferimento 

Il territorio di Areka e Gimbi, dove sorgono i due Centri di accoglienza per bambini disabili o sieropositivi, è relativamente fertile. Tuttavia, la grande povertà che affligge la popolazione e la mancanza di competenze tecniche non consentono di dar vita a coltivazioni strutturate e la massimizzazione della loro produttività. L’agricoltura rimane conseguentemente confinata a livello di sussistenza.

Sintesi del progetto

Con il progetto “Un’agricoltura sostenibile per Areka e Gimbi” è stato possibile mettere a coltivazione il terreno non edificato di pertinenza dei due complessi che sorgono su un’area complessiva di 4 e 3 ettari rispettivamente. Sono state sviluppate piantagioni multi-colturali stabili (ortaggi, caffè, mango, papaia, mais) in grado di sopportare lunghi mesi di siccità alternati a periodi di piogge intense. Una produzione agricola disgiunta dagli eventi atmosferici stagionali contribuisce a rispondere alle necessità dei circa 160 bambini che vivono nei centri. Inoltre, la scelta di un sistema multi-colturale risponde a due obiettivi: migliorare il benessere alimentare dei bambini diversificando quanto più possibile la loro dieta, ed eliminare i rischi legati ad un sistema mono-coltura

Parte integrante del progetto è quello di offrire la possibilità ai braccianti impiegati nell'attività agricola di conoscere metodologie moderne e di trasferire le buone pratiche apprese all'interno dei villaggi di appartenenza.

Risultati

I piccoli ospiti dei centri di accoglienza, minori con gravi disabilità o sieropositivi, hanno visto migliorare il proprio benessere alimentare grazie a una dieta sana e bilanciata. L’accesso a un’alimentazione completa, oltre ad essere un diritto, è indispensabile a un sano sviluppo, soprattutto considerate le delicate condizioni di salute dei beneficiari. Inoltre, lo sfruttamento razionale dei terreni normalmente produce eccedenze che vengono distribuite gratuitamente alla popolazione locale.

La diffusione di metodologie moderne di coltivazione nei villaggi di appartenenza dei braccianti ha determinato un migliore sfruttamento delle risorse naturali incrementando la produttività, sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo.

Beneficiari

Minori orfani, disabili o sieropositivi ospiti del Centro di accoglienza “San Giovanni Paolo II” di Areka o del Centro “San Pio da Pietrelcina” a Gimbi; braccianti; comunità locale

Costi del Progetto

Questo progetto ha una doppia valenza: dà lavoro a 12 braccianti e cibo a circa 160 bambini e ragazzi ospiti dei nostri Centri e alle circa 80 persone che turnando nelle 24 ore, lavorano presso di essi. Produce indubbiamente un grande risultato, ma costituisce un costo fisso per stipendi, attrezzature e sementi. Per questo abbiamo bisogno delle tue offerte.

Come aiutarci

Donazioni di qualsiasi importo sono un contributo fondamentale per la realizzazione del progetto. Per la tua donazione scegli una delle modalità di versamento tra quelle elencate in "Tutti i metodi di pagamento" e indica nella causale: “AGRICOLTURA SOSTENIBILE PER AREKA E GIMBI”.

Con 20 euro contribuisci a pagare il salario mensile di un bracciante
Con 45 euro contribuisci all'acquisto di nuovi attrezzi
Con 100 euro contribuisci all'acquisto di un aratro

Questo progetto è supportato da Aziende Amiche Solidali, scopri di più su Le aziende e il CAE.

Ti ricordiamo che tutte le donazioni a favore del Centro Aiuti per l’Etiopia Onlus sono deducibili o detraibili. Verifica in sede di dichiarazione dei redditi la normativa a te più favorevole e conserva le attestazioni di versamento per poter usufruire delle agevolazioni fiscali previste dalla legge.

Torna ai progetti

Dona ora

Partecipa alla realizzazione delle nostre iniziative in Etiopia.
Sostieni i progetti del Centro Aiuti per l’Etiopia ODV con la modalità che preferisci.

Il tuo aiuto è ricompensato.
Tutte le donazioni a favore del Centro Aiuti per l’Etiopia ODV sono fiscalmente detraibili per un importo pari al 35% dell'erogazione effettuata o deducibili nei limiti del 10% del reddito imponibile. La deduzione fiscale nei limiti del 10% del reddito imponibile è prevista anche per i soggetti Ires (società ed enti).
Verifica in sede di dichiarazione dei redditi la normativa a te più favorevole e conserva le attestazioni di versamento per poter usufruire delle agevolazioni fiscali previste dalla legge.

A nome di chi ne beneficerà in Etiopia ti ringraziamo per il tuo prezioso contributo.

Scegli che tipo di donazione vuoi fare

€ al mese
€ al semestre
€ all'anno

Scegli il progetto

Inserisci i tuoi dati

Dopo aver cliccato sul pulsante Conferma sarai rediretto sul sito PayPal per effettuare il pagamento

Dopo aver cliccato sul pulsante Conferma sarai rediretto sulla pagina di Intesa Sanpaolo per completare il pagamento

Prima di proseguire abbiamo bisogno di qualche informazione sull'intestatario del conto.

  • Il sottoscritto autorizza Centro Aiuti per l’Etiopia odv ad incassare la quota indicata addebitandola sul proprio conto corrente fino a revoca di quest'ultima

BONIFICO su c/c bancario
IBAN IT 94 P 03069 09606 10000 0121076
BIC/SWIFT BCITITMM
intestato a Centro Aiuti per l’Etiopia

BONIFICO su c/c Banco Posta
IBAN IT 95 U 07601 10100 00001 1730280
BIC/SWIFT BPPIITRRXXX
intestato a Centro Aiuti per l’Etiopia

BOLLETTINO POSTALE
n. 11730280
intestato a Centro Aiuti per l’Etiopia

Informativa ai sensi dell’Art 13 - Regolamento UE 2016/679
Centro Aiuti per l’Etiopia ODV, Titolare del trattamento, con sede in Via Quarantadue Martiri 189, 28924 Verbania (VB), tratta i dati personali raccolti per l’esecuzione della richiesta di sostegno a distanza oppure per adempiere un obbligo legale e, in ogni caso, nel rispetto della normativa privacy di riferimento. I dati verranno trattati per tutta la durata del sostegno a distanza e anche successivamente, nei limiti necessari per l’espletamento di obblighi di legge e per finalità amministrative e contabili, anche quando li comunichiamo a terzi. Informazioni dettagliate, anche in ordine al Suo diritto di accesso e agli altri Suoi diritti, sono riportate nella nostra Privacy policy.